RELAZIONE SOCIALE NELLA DONNA AFFETTA DA CANCRO AL SENO: RIFLESSIONI

Perché invecchiare?

RELAZIONE SOCIALE NELLA DONNA AFFETTA DA CANCRO AL SENO: RIFLESSIONI

Le giovani donne con cancro al seno (BC) hanno preoccupazioni legate ai cambiamenti della sessualità, della fertilità e dell’immagine corporea. Tuttavia, l’impatto psicologico del tumore e dei suoi trattamenti non è esclusivo della paziente affetta ma influenza anche il contesto sociale e familiare in particolare i loro partner, perché percepiscono la malattia come un intrusione della vita di coppia molto più’ di quanto avviene nelle donne anziane.
Nelle giovani pazienti con cancro al seno, le relazioni, l’immagine del corpo e i problemi sessuali rappresentano le variabili principali della qualità della vita. Tutte le donne infatti dovrebbero essere informate del cambiamento della sessualità, della fertilità e della propria immagine corporea.
Il coinvolgimento del partner nel percorso terapeutico dovrebbe essere un elemento cardine per migliorare e mantenere una comunicazione efficace e relazioni positive nelle giovani coppie.
L’impatto emozionale più importante si verifica alla diagnosi, perché la diagnosi di una malattia potenzialmente letale, come la BC, interferisce con i piani di vita soprattutto nelle giovani donne (40 anni o più giovani al momento della diagnosi) che vanno incontro a preoccupazioni specifiche per quanto riguarda le carriere professionali e la propria fertilità.
La perdita della routine quotidiana, i problemi sessuali e l’insoddisfazione con l’immagine del corpo sono fattori importanti che influenzano negativamente la qualità della vita nelle pazienti giovani.

L’impatto psicologico di BC non è esclusivo per le pazienti giovani ma influenza anche il loro contesto sociale, in particolare il partner.

I partner di giovani donne percepiscono la malattia come un’intrusione della vita di coppia e mostrano una maggiore difficoltà nel comunicare le loro preoccupazioni correlate al cancro, inclusa la paura di perdere la compagna.

Il trattamento attuale del cancro ha ridotto drasticamente la mortalità per la malattia ed ha aumentato le complete guarigioni, ma non ha eliminato gli effetti collaterali sulla funzione sessuale, sulla fertilità e sull’immagine corporea.

Il disagio sessuale è molto diffuso tra le giovani donne con tumore al seno soprattutto durante il trattamento ed ancora molto presente durante la terapia ormonale di mantenimento, ma solo un piccolo numero di pazienti ne parla.
Tale disagio è dovuto alla secchezza vaginale, dispareunia, amenorrea, perdita del desiderio sessuale, diminuzione della frequenza dell’attività sessuale, difficoltà a raggiungere l’orgasmo e ansia riguardo alle proprie prestazioni.
Anche il partner soffre di questa condizione peggiorando le sue prestazioni sessuali

Si possono identificare alcuni parametri che influenzeranno il disagio sessuale come fattori fisici e psicosociali, ma sarà la percezione negativa dell’ immagine del corpo che verrà modificata dal trattamento ad avere maggior peso.

Si raccomanda quindi che i pazienti e i partner maturino un senso di sicurezza e supporto per affrontare i cambiamenti che la loro relazione può subire durante e dopo il trattamento.
La comprensione e l’accettazione del partner, un forte legame intimo, una buona comunicazione e affetto, aiutano tutti nel processo di rinegoziazione sessuale che segue l’esperienza oncologica.

È importante sottolineare che la sessualità non è esclusiva per le coppie ed anche le pazienti senza partner fisso devono mantenere una vita sessuale sana.

La fertilità può essere compromessa dal trattamento del tumore perché può causare un’insufficienza ovarica prematura; pertanto, la discussione del rischio di infertilità è un passaggio delicato ma fondamentale per i pazienti. A causa dell’attuale tendenza a posticipare il parto in età adulta, le preoccupazioni riguardanti la fertilità e le future gravidanze non sono esclusive della popolazione più giovane di pazienti con BC, poiché alcuni potrebbero non aver iniziato o completato i loro piani familiari al momento della diagnosi.

Le opzioni terapeutiche ed il riferimento agli specialisti sono entrambi fondamentali.
L’implementazione di programmi di oncofertilità ha dimostrato che i pazienti considerano la fertilità come un problema da gestire nel contesto di tutto il trattamento della malattia.

Dopo l’istituzione di questo tipo di programmi, il numero di pazienti che esprimono il loro interesse per la conservazione della fertilità è aumentato.

Mentre le giovani donne si consideravano il principale protagonista nella decisione sulla propria fertilità oggi i pazienti coinvolgono il partner e tutti familiari a sostegno della propria scelta ed in assenza di un partner, la maggior parte cerca il consiglio dai genitori.
Le donne devono essere edotte in maniera approfondita ed è necessario assicurarsi che abbiano acquisito le conoscenze adeguate per prendere decisioni completamente informate.

Per le donne, l’immagine del corpo include sentirsi femminile e attraente; quindi, il significato dell’alterazione fisica dovuta a BC rappresenta uno di i fattori che influenzano maggiormente l’adattamento e l’aderenza al trattamento.
Inoltre una cattiva immagine corporea, che viene spesso trascurata dal personale sanitario, peggiora il disagio fisico e psicologico.
Il disagio più importante è legato al cambiamento che è francamente visibile da se stessi e dagli altri, l’immagine corporea è alterata dalla perdita del seno e dei capelli, dalla presenza di cicatrici chirurgiche ed i cambiamenti di peso e/o linfedema, che possono contestualmente compromettere la qualità generale della vita quotidiana.
I pazienti sottoposti a un intervento chirurgico di solito si sentono mutilati, “asimmetrici”, meno femminili e sessualmente meno attraenti, hanno un’autostima diminuita e tendono ad evitare di guardarsi creando nuove insicurezze e esacerbando quelle passate.
È importante quindi promuovere l’accettazione di una nuova immagine corporea ed è importante il lavoro di più specialisti per la gestione della malattia nel suo insieme.

Comments are closed.